Come lenire il bruciore da candida

Uno tra i sintomi più comuni dell’infezione da Candida è il bruciore. Vediamo come si può alleviare

QUANDO BRUCIA – La candidosi, ossia l’infezione da Candida è caratterizzata da tutta una serie di sintomi. Alcuni più specifici in base alla zona colpita; altri più generalizzati e comuni. Uno di questi ultimi è il bruciore, che può interessare le zone urogenitali o intime, il cuoio capelluto e così via. Tipico è infatti il bruciore vaginale e genitale o, nel caso del maschio, del glande, del prepuzio o della zona perianale. Nel caso di vaginite o infezione del pene, spesso compare bruciore durante la minzione.

COME ALLEVIARE IL BRUCIORE – Esistono diversi modi per alleviare il bruciore da Candida. Si può ricorrere a farmaci specifici, che tuttavia possono causare sensibilizzazione, o a rimedi naturali più dolci ma comunque efficaci. Uno di questi è seguire una corretta alimentazione supportata da integratori alimentari contenenti Pseudowintera colorata, una pianta le cui proprietà costituisco un ottimo rimedio verso la candidosi. Se il bruciore è interno, ossia si avverte durante la minzione, la cura migliore è quella anch’essa di tipo interno o per via orale: per questo esistono rimedi naturali efficaci a base, per esempio, di Pseudowintera colorata e Anetolo, principio attivo dell’Anice, che è risultato particolarmente efficace in sinergia con il Polygodial, principio attivo della Pseudowintera. Se invece il bruciore delle Candida interessa le mucose esterne o l’epidermide, si possono utilizzare dei rimedi topici. In questo caso possono essere utili dei lavaggi o delle spugnature con miscele d’erbe e oli essenziali con proprietà emollienti e lenitive: lavanda, malva, salvia, timo, salicaria, camomilla ed elicriso. La lavanda composta da due o più erbe può essere utilizzata per lavande locali o spugnature utilizzando una garzina sterile imbevuta della miscela (picchiettando delicatamente la zona colpita). Non usare mai detergenti aggressivi e acqua calda, che possono peggiorare la situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *