Gli effetti della Candida sul glande

Quando si parla di Candida si pensa solitamente alle tipiche manifestazioni femminili. Ma questo particolare fungo saprofita si manifesta molto frequentemente anche negli uomini: si tratta delle Candida del glande. Comune, è per esempio, quella che compare sul glande, detta Balanite

EFFETTI SIMILI ALLA CANDIDOSI FEMMINILE – Quando la Candida albicans interessa l’universo maschile si manifesta con sintomi molti simili a quelli che si verificano nella donna: bruciore, gonfiore, prurito e macchie rossastre sono molto comuni. Generalmente gli effetti sono maggiormente visibili sul glande – la parte alta del pene – ma non è così raro che si estendano alle zone limitrofe. L’uomo che per esempio indossa costumi a pantaloncino durante le vacanze al mare e non lo cambia frequentemente, può essere soggetto alla comparsa della Candida nelle pieghe dell’inguine. Gli uomini soggetti a Candidosi non dovrebbero pertanto indossare per lungo tempo il costume bagnato.

IL RISCHIO È UNA BALANITE – Nella maggior parte dei casi in concomitanza al prurito e al bruciore, la Candida dà luogo a una Balanite. Quest’ultima è un’infiammazione del glande. A seconda del grado di infiammazione da Candida sul glande possono presentarsi ulteriori sintomi come: gonfiore dell’organo genitale, fastidio o dolore durante la minzione e secrezioni dense e maleodoranti.

RAPPORTI SESSUALI DIFFICOLTOSI – Come per la donna, l’infezione da Candida albicans non permette di avere rapporti sessuali sereni. Il fastidio, il dolore, il prurito e le eventuali secrezioni, simili a cagliata, rendono pressoché impossibile l’atto sessuale. Bisogna anche tenere presente che la Candida è fortemente trasmissibile, per cui anche se si hanno sintomi lievi è sconsigliabile avere rapporti sessuali non protetti.

ANCHE L’IGIENE È IMPORTANTE – La Candida del glande generalmente si sviluppa quando il sistema immunitario è messo a dura prova per esempio dall’uso di antibiotici, stress, dieta scorretta e ricca di carboidrati. Pertanto si consiglia un’alimentazione sana evitando cibi grassi e ricca di vitamina C da abbinarsi ad integratori alimentari che contengono anche la Pseudowintera colorata. Tuttavia, se si è predisposti è bene porre particolare attenzione anche all’igiene intima, utilizzando detergenti delicati e naturali che rispettino il pH della pelle. Da evitare, invece, i detergenti aggressivi; inoltre, è di fondamentale importanza asciugare accuratamente le zone intime al termine di ogni lavaggio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *