In quali casi la candida recidiva?

Un intestino infiammato, un sistema immunitario poco efficiente e una scorretta alimentazione sono alla base delle recidive da Candida albicans

Ci sono casi in cui la Candida diventa recidiva e debellarla diviene un obiettivo assai arduo, ma non impossibile. Il fatto che il fungo faccia la sua comparsa intervallato da pause più o meno lunghe è riconducibile a diverse cause. La prima e la più importante è uno squilibrio del sistema immunitario a livello intestinale.

PRIMA DI TUTTO, CURA L’INTESTINO – Secondo quanto emerso da uno studio condotto dalla dottoressa Carol Kumamoto del Dipartimento di Biologia Molecolare e Microbiologia della Tufts University (Usa), la formazione della Candida recidiva è direttamente proporzionale all’infiammazione intestinale. Le persone che hanno una maggior predisposizione a sviluppare: morbo di Crohn, colite ulcerosa e ulcere gastriche hanno maggiori probabilità di sviluppare la Candida; quindi per evitare recidive da Candida albicans è estremamente importante eliminare o ridurre l’infiammazione intestinale, così come per evitare la comparsa di malattie infiammatorie è necessario debellare la Candida. Quest’ultima, infatti, inibisce la capacità dell’organismo di ridurre l’infiammazione, si crea così un circolo vizioso da cui è difficile uscire.

UNA DIETA SCORRETTA AUMENTA LE RECIDIVE – Occorre inoltre, evidenziare che un’alimentazione scorretta agevola l’insorgenza della Candida albicans che spesso recidiva. Zuccheri, farine raffinate e alimenti industriali tendono a peggiorare il problema. Un’alimentazione ricca di cibi freschi, fermentati e ricchi di fibre, al contrario, evita che la Candida recidivi. Importante è assumere cibi ricchi di vitamina C, meglio se integrati con la pseudowintera, una pianta contenuta in alcuni integratori alimentari.

POCHI BATTERI BUONI – È la collaborazione tra i microorganismi cosiddetti “buoni” con quelli considerati “cattivi” che permette il buon funzionamento dell’intero organismo. Tuttavia, se il corretto equilibrio fra batteri buoni e cattivi si altera, si può arrivare a una patologia cronica, è il caso della Candida recidiva. Per evitare ulteriori recidive è dunque importante mantenere un corretto equilibrio del sistema immunitario intestinale. Secondo Zwolińska-Wcisło del Jagiellonian University Medical College (Polonia), una terapia con Lactobacillus acidophilus è in grado di inibire la colonizzazione fungina nel tratto gastrointestinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *