La candidosi che colpisce l’uomo può avere seri effetti sull’apparato genitale. Il glande può esserne seriamente colpito

ANCHE LUI È A RISCHIO – Sebbene la candidosi colpisca in prevalenza le donne, anche l’uomo è a rischio. La candidosi, nell’uomo, oltre al cavo orale e all’apparato gastrointestinale, infatti, può interessare la zona genitale, con una serie di disturbi e sintomi a carico del pene.

IL PIÙ COLPITO: IL GLANDE – Quando vi è un’infezione a livello genitale, spesso a farne maggiormente le spese è il glande, o balano, ossia la sommità del pene maschile. In questi casi è spesso coinvolto anche il prepuzio. I sintomi sono più o meno evidenti e questo dipende anche e soprattutto dal grado d’infezione.

NON SOTTOVALUTARE I SINTOMI – Tutti i sintomi, da quelli più eclatanti a quelli meno evidenti, non sono da sottovalutare. Il rischio è quello di un aggravamento, anche serio, della situazione. Tra quelli più comuni vi è un un arrossamento del glande, spesso seguito da gonfiore: questa condizione viene chiamata “Balanite”. Altri sintomi che di solito accompagnano questo tipo d’infezione sono prurito insistente, irritazione e desquamazione, che può mutare con la comparsa di vere e proprie ulcerazioni, spesso dolorose; le ulcerazioni sono in genere accompagnate da secrezioni grumose, maleodoranti e di colore bianco/giallastro.

In chi non è circonciso si può verificare una fimosi, ovvero un restringimento delle pelle a livello del prepuzio. Non sono altresì infrequenti dolori durante la minzione e i rapporti sessuali. La candidosi al glande, poi, può causare sanguinamenti; qualora lo stadio sia avanzato può essere difficoltoso anche l’indossare biancheria intima o pantaloni aderenti.

La candidosi può a volte essere asintomatica, ma in presenza anche di uno solo di questi sintomi, magari poco evidenti, è bene agire immediatamente, per evitare l’aggravamento o la diffusione dell’infezione stessa. Prevenire l’infezione da candida si può, sia con farmaci che con aiuti naturali, come tenere una corretta alimentazione meglio se supportata da integratori alimentari  a base di Pseudowintera colorata, ricchi di elementi naturali specifici per la prevenzione della candida.